Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dove investire

 

Dove investire

Investire nei settori tradizionali

Servizi di informazione e comunicazione

Gli investimenti stranieri sono benvenuti se apportano conoscenza, tecnologia e stimolano la crescita di start-up innovative. Si investe molto nell’economia digitale e nell’Internet of Things, in particolare a sostegno della smart city nello sviluppo di sofisticati sistemi di sensori comunicanti dell’infrastruttura urbana per monitorare la situazione ambientale, le condizioni del traffico, i sistemi di illuminazione, il risparmio energetico, la gestione dei rifiuti, il consumo dell’acqua.

Trasporto e magazzinaggio

Nei prossimi dieci-venti anni il Governo di Singapore ha in programma di raddoppiare la linea metropolitana, costruire terminal aeroportuali, spostare ed ampliare ulteriormente il porto e costruire una linea ferroviaria ad alta velocità che collegherà Singapore e Kuala Lumpur.
Un'interessante opportunità è la presenza di alcuni siti a Singapore dove vige un’esenzione dai dazi di importazione (c.d. Free Trade Zones). In tali aree, ad esempio presso il porto e l'aeroporto di Changi, è possibile stoccare la propria merce per la ri-esportazione nell'area e/o la vendita a terzi, senza il pagamento di tariffe doganali né della GST (il corrispondente locale dell'IVA).

Energie rinnovabili ed efficienza energetica

Singapore si propone come modello di sostenibilità nel settore energetico e chimico e sostiene le aziende del settore che investono nel campo dell’efficienza energetica, delle energie rinnovabili e delle riduzioni delle emissioni di carbonio. Con il “Green Plan 2030” la Città-stato mira a diventare un hub per gli investimenti sostenibili, aprendo opportunità interessanti per le imprese italiane, dalla filiera alimentare fino all’agritech e all’automotive[GP1] .

Costruzioni

Spazi interessanti per le aziende italiane possono trovarsi anche per l'export di materiale di alta qualità quali piastrelle, marmo, rubinetterie, bagni, cucine e arredamento.

Prodotti alimentari

L'entrata in vigore del FTA tra l'Unione Europea e Singapore facilita le importazioni di alcuni prodotti tipici italiani, particolarmente apprezzati nel mondo. Occorre considerare che la grande distribuzione impone costi consistenti per la commercializzazione di prodotti alimentari e che si tratta di un mercato "maturo", per cui in alcuni settori, come quello del vino, la consistente offerta già presente può lasciare pochi spazi ai nuovi prodotti che non siano particolarmente competitivi oppure di altissimo livello qualitativo.

Investire nei settori moderni

Mobilità Green

Il settore della Smart & Green Mobility risulta fondamentale nella città-stato la quale, presentando uno spazio limitato, deve necessariamente adottare misure di mobilità smart per assicurarsi che il poco spazio venga utilizzato in maniera intelligente tramite varie innovazioni green; è bene qui ricordare la conferma del governo di Singapore del 2020 nel continuare con un investimento di $43,5 miliardi in infrastrutture sostenibili[1]. La green mobility a Singapore viene e verrà inoltre favorita da iniziative governative quali l’inserimento di oltre 60.000 punti di ricarica per veicoli elettrici nei parcheggi dell'Housing Development Board (HDB) entro il 2030. Vi sono inoltre innovazioni sostenibili nel campo della mobilità marittima, La Maritime Singapore Green Initiative è stata in questo senso creata per ridurre l'impatto ambientale del trasporto marittimo e delle attività correlate e di promuovere il trasporto marittimo pulito ed ecologico

Settore Aerospaziale

Considerata come la “città dell’aerospazio del futuro”, Singapore ha uno dei più vasti e diversi ecosistemi in Asia con più di 130 compagnie aerospaziali. Al primo posto per la manutenzione di aerei, riparazione e revisione (MRO), Singapore costituisce il 10% dell’output globale di MRO[2]. Dal 2015, l’output totale per l’industria aerospaziale a Singapore ha visto una crescita annuale del 10% sorpassando S$11 miliardi nel 2018[3]. La rilevanza della città-stato nel settore aerospaziale è resa visibile da un’importante esibizione tenuta ogni due anni quale quella del Singapore Airshow, in cui delegazioni governative e militari di alto livello, nonché alti dirigenti aziendali di tutto il mondo, partecipano per stringere partnership e concludere accordi in questa regione. L’ultimo Airshow si è tenuto dal 15 al 18 febbraio 2022 con un minor numero di partecipazione rispetto agli altri anni (30.000 partecipanti nel 2020) per via della pandemia da Covid-19[4].

La consistenza di Singapore in questo settore è dimostrata anche dall’esistenza di agenzie quali la Singapore Space & Technology Ltd, che sfrutta e fa avanzare le tecnologie spaziali a beneficio delle persone, delle imprese e del pianeta, l’Office for Space Technology and Industry (OSTIn), che funge da ufficio nazionale per crescere un'industria spaziale competitiva a livello globale e l’ Agency for Science, Technology and Research (A*STAR) che guida la ricerca orientata alla missione che fa avanzare la scoperta scientifica e l'innovazione tecnologica. Concludendo, il governo di Singapore ha recentemente annunciato uno stanziamento di S$150 in R&S sulle space capabilities.

Cleantech

Il continente Asiatico ma soprattutto Singapore, sono fortemente impegnati nella ricerca e investimenti nel campo dell’energia e, in generale, nelle cosiddette “tecnologie pulite” o Cleantech. Quest’ambito è di notevole importanza nella città-stato che ha impegnato circa 1 miliardo di S$ nella ricerca energetica, con un concentrarsi su accumulo di energia, edifici verdi, reti intelligenti ed energia solare[5]. Rispetto all’ambito specifico del Cleantech, Singapore sta dimostrando il suo impegno e dedizione tramite iniziative e progetti di proprie aziende natie (o con sede a Singapore), quali Cleantech Solar, ovvero uno sviluppatore solare che finanzia, costruisce, possiede e gestisce progetti solari e che possiede il suo quartier generale a Singapore ma opera in tutto il Sud Est Asiatico e in India, nonché agenzie governative quali la JTC Corporation, impegnata nel trasformare le industrie rendendole più sostenibili e in particolare l’iniziativa JTC CleanTech One @ CleanTech Park che offre 37.500 mq di spazio per uffici, officine e laboratori dry/wet per attività di ricerca e sviluppo legate al cleantech[6].

Manifattura Additiva

Il settore della Additive Manufacturing (AM) è di grande rilievo nello scenario attuale di Singapore in cui la manifattura costituisce già approssimativamente il 20% del prodotto interno lordo. In modo tale da posizionare la città-stato come base di produzione avanzata in ASEAN, il governo ha annunciato molteplici iniziative per sviluppare ambiti all’avanguardia quali quelli della robotica e della stampa 3D, impiegate soprattutto nell'industria aerospaziale e medica per produrre parti sofisticate e di alta precisione. Questi permettono al settore manifatturiero di crescere ulteriormente, è infatti visibile un incremento del 3,5% anno su anno per la prima metà del 2020 nonostante la pandemia di Covid-19[7].

Agritech, Acquatech, Foodtech

I tre settori dell’Agritech, Acquatech e Foodtech, sono attualmente fonte di interesse per la città-stato per via della loro potenzialità nell’utilizzo di tecnologie moderne per aumentare la produzione di cibo e acqua e, parallelamente, incrementare la resilienza di Singapore nei medesimi settori. In questo senso, il governo di Singapore ha realizzato l’obiettivo “30 by 30”, consistente nel produrre il 30% dei bisogni nutrizionali dei cittadini di Singapore localmente e sostenibilmente entro il 2030. Ciò può essere raggiunto tramite investimenti nel settore tecnologico e in R&S e per mezzo di innovazioni quali il Vertical farming, settore in cui gli investimenti sono proiettati a raggiungere i US$12.77 miliardi entro il 2026 rispetto ai US$2.23 miliardi del 2018, dunque esibendo una crescita anno su anno di 24.6%[8].

Singapore si sta velocemente trasformando nella capitale del Foodtech in Asia; è, difatti, il primo paese al mondo ad aver approvato la vendita di carne di pollo coltivata in laboratorio, affermandosi dunque come un punto di riferimento per la vendita di impossible meat, ovvero carne ricavata dalle piante per il benessere della persona e del pianeta.

[1] https://www.webuildvalue.com/en/megatrends/singapore-smart-city.html

[2] https://www.edb.gov.sg/en/our-industries/aerospace.html

[3] https://www.jtc.gov.sg/about-jtc/news-and-stories/press-releases/aerospace-companies-investing-another-s$500-million-in-singapore

[4] https://www.straitstimes.com/singapore/singapore-airshow-returns-on-feb-15-with-smaller-expected-attendance-of-13000-over-4-days

[5] https://www.cleantech.com/three-way-singapore-is-driving-a-sustainable-future/

[6] https://www.jtc.gov.sg/find-space/jtc-cleantech-one--cleantech-park

[7] https://www.trade.gov/market-intelligence/singapore-additive-manufacturing

[8] https://www.enterprisesg.gov.sg/industries/type/agri-tech/industry-profile


413