Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Diplomazia politica

Italia e Singapore intrattengono relazioni amichevoli e di lunga data. L’Italia è stato uno dei primi Paesi a riconoscere Singapore dopo la sua indipendenza nel 1965. La dichiarazione d’indipendenza è del 9 agosto e le relazioni diplomatiche furono stabilite pochi mesi più tardi, il 28 ottobre.

Le relazioni bilaterali possono contare su una grande e talentuosa community di italiani, più di 5.000, e su un numero crescente di aziende, più di 300.

I nostri rapporti con Singapore si sono intensificati negli ultimi anni, come testimoniano i recenti numerosi incontri istituzionali. A febbraio 2023, il Sottosegretario agli Affari Esteri Maria Tripodi ha visitato il Paese in occasione dell’inaugurazione della mostra “La Grande Visione Italiana – Collezione Farnesina”. A marzo 2023 il Sottosegretario alla Difesa Matteo Perego di Cremnago e’ intervenuto come speaker al Singapore Defence and Technology Summit. A maggio 2023 il Vice Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Edoardo Rixi si è recato a Singapore a visitare il quartier generale di PSA, uno dei principali gruppi portuali al mondo.

Inoltre, a maggio il Pattugliatore Polivalente d’Altura (PPA) Morosini ha effettuato a Singapore la prima tappa della campagna di cinque mesi nell’Indo-Pacifico.

Diversi esponenti di governo della Citta’-Stato e il Primo Ministro Lee Hsien Long si sono recati in visita in Italia nel 2021 per partecipare ai lavori del G20 a guida italiana.

In occasione della Ministeriale G20 Ricerca e Innovazione tenutasi a Trieste il 5 agosto 2021, il Ministro dell’Innovazione Tecnologica e della Transizione Digitale, Vittorio Colao, e il Ministro per le Comunicazioni e l’Informazione di Singapore, Josephine Teo, hanno firmato un importante Memorandum in materia di cooperazione digitale. 

L’Italia è presente anche sul piano regionale. Il 9 settembre 2020 l’ASEAN, l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico, ha riconosciuto all’Italia lo status di Partner di Sviluppo. La Development Partnership, istituzionalizzata durante il primo incontro della commissione il 19 aprile 2021, prevede il rafforzamento della cooperazione tra Italia e ASEAN, quinta potenza economica globale, e il coordinamento di progetti comuni volti a valorizzare le potenzialità delle due regioni. In qualità di Partner di Sviluppo, il Segretariato dell’ASEAN e la Farnesina lavoreranno insieme in settori quali connettività, lotta al cambiamento climatico e sviluppo sostenibile, gestione dei disastri naturali, tutela del patrimonio culturale, potenziamento del ruolo delle donne, peacekeeping e contrasto alla diffusione del Covid-19. In merito a quest’ultimo punto, l’Italia ha annunciato la sua intenzione a contribuire all’ASEAN Covid-19 Response Fund con 2.5 milioni di euro.

Nell’ambito della nostra appartenenza all’Unione europea, l’Italia aderisce alla Strategia dell’UE per la cooperazione nella regione indo-pacifica lanciata lo scorso 14 settembre. In riferimento alla strategia, l’Italia intende contribuire alla volontà dell’UE di incrementare la cooperazione su aree prioritarie quali la sostenibilità, transizione green, cooperazione marittima, connettività, sicurezza umana e molte altre.